Black Circle

Cinema Horror, Film gotici Vecchio stile, Cinema di genere
 
IndiceCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Black Circle Box

Ultimi argomenti
» Cialve!
Da Miliel Mer Ago 31, 2016 11:07 pm

» Che Musica c'è...
Da valet Sab Apr 12, 2014 11:09 am

» Daìdalos - Nuovo cortometraggio psicologico!
Da alendol Lun Mar 31, 2014 12:19 pm

» Insomnia - Cortometraccio horror da paura!
Da Max Mer Mar 05, 2014 1:20 pm

» Horror nelle Sale Cinematografiche
Da ArkhamMovie Gio Feb 27, 2014 5:41 pm

» ANNUNCI STAFF
Da Miliel Gio Set 12, 2013 12:43 pm

» Buon Compleanno Hellraiser!!!!!
Da Rorschach Gio Set 12, 2013 2:07 am

» Happy Birthday to YOU!!!!!
Da Rorschach Gio Set 12, 2013 2:07 am

» DOOM Di Andrzej Bartkowiak (2005)
Da Rorschach Gio Set 12, 2013 2:07 am

» Perchè Dark
Da Rorschach Gio Set 12, 2013 2:06 am

» Riprendiamo?
Da Rorschach Gio Set 12, 2013 2:03 am

» Psychosis - Un corto horror psicologico di Nino Scuderi
Da alendol Dom Giu 02, 2013 6:33 pm

» X-Mal Deutschland
Da Droz Ven Mag 10, 2013 8:44 pm

» DJANGO UNCHAINED Di Quentin Tarantino (USA)
Da Luca Zanconi Mer Gen 30, 2013 2:04 pm

» L'ALTRA FACCIA DEL DIAVOLO
Da Luca Zanconi Mer Gen 30, 2013 1:59 pm

» Horror Video Clip
Da Angst Lun Dic 03, 2012 8:09 am

» B-Movies e oltre
Da Ysingrinus Mar Nov 13, 2012 5:11 pm

» FEED ME MORE!
Da Ysingrinus Mar Nov 13, 2012 5:09 pm

» LA LEGGENDA DEL CACCIATORE DI VAMPIRI Di Timur Bekmambetov (2012)
Da Miliel Gio Nov 01, 2012 12:02 am

» CHRISTINE – LA MACCHINA INFERNALE Di John Carpenter (1983)
Da Ysingrinus Dom Ott 07, 2012 6:14 pm

» ---HORROR IN TV--- segnalazione programmi giornalieri
Da Angst Gio Ott 04, 2012 11:34 pm

» Auguri Chriss!
Da Rorschach Ven Set 28, 2012 1:36 am

» SHARK NIGHT 3D (2011) BAIT 3D (2012)
Da Spooky Lun Set 24, 2012 3:19 am

» TANTI AUGURI A TE :Compleanni degli utenti
Da Ysingrinus Dom Set 23, 2012 12:56 am

» ALIEN: La Saga
Da Black Circle Sab Set 22, 2012 6:39 pm


Condividere | 
 

 LA CASA DELLE FINESTRE CHE RIDONO Di Pupi Avati (1976)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Fulcilives
Adepto di Black Circle
Adepto di Black Circle
avatar

Numero di messaggi : 241

MessaggioTitolo: LA CASA DELLE FINESTRE CHE RIDONO Di Pupi Avati (1976)   Mer Giu 03, 2009 12:33 pm

Ambientato nel ferrarese , in un piccolo borgo della bassa padana , questa pellicola assume ancora più fascino grazie ad un connubio particolarmente azzeccato che vede coinvolto un paesino apparentemente tranquillo e l'agghiacciante storia che è nascosta in esso, un contrasto che fa da sfondo al capolavoro di Pupi Avati.
Lino Capolicchio , protagonista del film è incaricato a restaurare un affresco di una chiesa che raffigura il martirio di San Sebastiano, il dipinto era stato creato da un certo Buono Legnani, pittore morto suicida tempo addietro , ma noto nel paese per alcune sue macabre e bizzarre abitudini, da quell'opera nasceranno oscuri presagi e numerosi omicidi che vedranno coinvolto il povero restauratore , il quale arriverà a conoscenza di una terribile verità. Il regista gioca molto sulle atmosfere e lo fa in maniera eccelsa , tanto che alla visione di alcune sequenze salterete sicuramente una o più volte sulla vostra comoda poltroncina. Diretto nel 76 , ci troviamo di fronte all'ennesimo ottimo horror italiano dei gloriosi anni 70, girato con pochi mezzi , ma quando dietro alla macchina da presa c'è uno come Pupi Avati (e l'ha dimostrato anche col recente "Il Nascondiglio") , il risultato è sempre di ottima fattura.




Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Spiritello Fran
Uomo del Lustro
Uomo del Lustro
avatar

Numero di messaggi : 842

MessaggioTitolo: Re: LA CASA DELLE FINESTRE CHE RIDONO Di Pupi Avati (1976)   Mer Giu 03, 2009 1:21 pm

Non il mio horror preferito, ma senz'altro da vedere! scratch
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://sharkcomics.forumup.it
Windom
Testa di teschio
Testa di teschio
avatar

Numero di messaggi : 728

MessaggioTitolo: Re: LA CASA DELLE FINESTRE CHE RIDONO Di Pupi Avati (1976)   Gio Giu 04, 2009 4:03 am

Spiritello Fran ha scritto:
Non il mio horror preferito, ma senz'altro da vedere! scratch

senza dubbio, bellissimo caposaldo di avati, la prima volta che ho visto questo film mi appassionò molto, mi piacciono molto i tempi di avati, il progredire delle sue storie che hanno sempre lunghe indagini da Thriller e un mistero senza dubbio sfizioso sul finale, anche ora non ha perso il vizio a ciò, col recente il nascondiglio, anche se di sicuro la qualità di questo non raggiunge i vecchi come l'arcano incantatore e La casa delle finestre che ridono

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://blackcircle.altervista.org/
Aghi
Black Circle Junior
Black Circle Junior


Numero di messaggi : 11

MessaggioTitolo: Re: LA CASA DELLE FINESTRE CHE RIDONO Di Pupi Avati (1976)   Sab Giu 06, 2009 7:11 am

Proprio ora sto preparando degli articoli per i giapponesi su questo film.
Da noi è stato assolutamente indedito e sconosciuto e per questo è ancora conosciuto solo tra i fan "core" del cinema italiano di genere.
Secondo me da noi funziona meno di da voi perché la gran parte dei giapponesi sono laici e a noi una scena con prete non è quella quotidiana.
Forse è difficile da condividere lo stesso semtimento che provate nello svelamento dell'identità del prete.
ma manco a dirlo anche secondo noi il finele è bizzarrissimo e almeno a me piace il film.

A mio parere il film funziona al massiomo solo a voi italiani perché:
1) L'Italia è un paese molto più cattolico dell'America e del Giappone e di consiguenza a voi prete sembra più vicino di a noi.
2) Nel film ci sono elemanti chiave che funzionano solo in italiano, per esempio:
- Le voci dalla registratore (doppiate da Gianni Cavina) sono in dialetto emiliano(secondo alcuni fonti, non so se sia vero)
- Alcune frasi sono in portoghese (una parte dei gemiti di Legnani, la canzoncina della vecchia inchiodata sul letto) e forse è irriconoscibile agli stranieri tranne alcuni(portoghesi, francesi. spagnoli, latino-americani...)
- Riguardo all'ultima battuta di Eugene Warter "...da sola", è impossibile tradurrla COMPLETAMENTE in sottotitolo o doppiaggio in inglese né in giapponese...
3) Nelle alcune parte degli sottotitoli inglesi dell'edizione americano la traduzione è sbagliata(lo so perché vedo il film dipendendo sottotitoli italiani dell'edizione italiana).

Dunque c'è qualcuno a potermi scrivere precisamente le voci di Legnani? A me è impossibile capire completamente cosa sta dicendo.
Però capisco che anche i sottotitoli italiani non sono fedele perfettamente alle battute del film.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www18.ocn.ne.jp/~aghi/
Spiritello Fran
Uomo del Lustro
Uomo del Lustro
avatar

Numero di messaggi : 842

MessaggioTitolo: Re: LA CASA DELLE FINESTRE CHE RIDONO Di Pupi Avati (1976)   Sab Giu 06, 2009 1:45 pm

Indubbiamente è un film dalle atmosfere e dallo scorrere (lento!) tipicamente italiane!
Rimango perplesso di fronte a chi lo paragona ad altri thriller o horror del periodo: a mio modesto avviso la recitazione di Capolicchio non prende lo spettatore, non lo catapulta nella trama: è sempre goffo, confuso, imbambolato. Non aiuta lo spettatore ad entrare nel clima creato dalle belle scenografie emiliane, in più né le musiche né il finale (voluto dai produttori) sono in linea con altri capolavori.
Resta una bellissima storia, una recitazione grandiosa di Cavina, ma in un contesto tutto sommato minimale rispetto alla filmografia giallo / horror degli anni 70.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://sharkcomics.forumup.it
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: LA CASA DELLE FINESTRE CHE RIDONO Di Pupi Avati (1976)   

Tornare in alto Andare in basso
 
LA CASA DELLE FINESTRE CHE RIDONO Di Pupi Avati (1976)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Black Circle :: BLACK CIRCLE :: Black Circle Forum :: SEZIONE CINEMA :: Black Circle: Sezione Cinema-
Andare verso: